Ieri sono stato al Family Day organizzato in piazza San Giovanni, a Roma. Non ci sono andato di mia spontanea iniziativa, perché in genere i posti pieni di invasati mi spaventano. Ma una cronaca dalla piazza era necessaria e quindi mi sono prestato al gioco dell’inviato senza paura. Il resoconto purtroppo non è completo, mancano tante cose fantastiche che ho visto e sentito. Però la maglietta “famiglia tradizionale” l’ho indossata davvero: l’ho pagata 9 euro, la rivendo a 20 se a qualcuno interessa.

Seguimi su www.natangelo.it

familiday1web familiday2web familiday3web familiday4web

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Family Day 2015, cattolici in piazza contro le unioni gay: “Siamo un milione”. Viminale: “400mila presenze”. Scalfarotto: “Evento inaccettabile”

prev
Articolo Successivo

Sinodo dei vescovi, il documento: apertura a gay, divorziati e nullità nozze

next