No a chi vuole logorare il governo, bisogna aiutare Renzi con proposte concrete“. E’ quanto dichiara il ministro Maurizio Martina oggi alla Camera dove è stata presentata ‘la Sinistra è cambiamento’, un progetto per rilanciare l’azione propulsiva dell’esecutivo dopo la delusione elettorale delle amministrative. “Serve andare avanti con le riforme” aggiunge il titolare del dicastero dell’Agricoltura. Tra i promotori ci sono anche Cesare Damiano, Luciano Pizzetti, Paola De Micheli, tutti coloro che hanno votato sì alla fiducia sull’Italicum creando una spaccatura interna all’aria riformista, una delle varie minoranze del Pd. I riferimenti sono sottili, ma tale corrente si schiera proprio contro la minoranza di Cuperlo, Speranza e Fassina. “Noi siamo la sinistra del cambiamento non della conservazione, abbiamo migliorato i provvedimenti con i nostri emendamenti, dal Jobs act alla riforma della scuola, non c’è alternativa a Renzi, è un argine ai populismi, noi speriamo che questo governo abbia successo, vogliamo dare una mano” afferma Cesare Damiano. “Sinistra è cambiamento accoglie dunque la sfida di Renzi e propone migliorie, sulle pensioni, sulle partite Iva, sull’Europa e le tutele crescenti facendo sì che gli sgravi diventino strutturali” spiegano in conferenza  di Irene Buscemi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sondaggi, Pd perde 2 punti: crescono M5S e Lega. Roma? Democratici in testa

prev
Articolo Successivo

Appalti, Delrio e Cantone: “Più legalità con nuovo codice”, ma su De Luca ‘no comment’

next