Il Pd perde quasi due punti nelle intenzioni di voto, il Movimento 5 Stelle e la Lega Nord ne guadagnano quasi uno. Secondo le intenzioni di voto di Ixè, in esclusiva per Agorà (Raitre), in un settimana il Pd passa dal 35,6% al 33,8%, il M5S cresce fino al 21,7% (+0,9%) mentre la Lega Nord si attesta al 15,9% (+0,8%). Forza Italia, per la prima volta nella sua storia, scende sotto il 10 per cento (9,9%). L’affluenza alle urne in calo al 60,5%. Inoltre se si votasse oggi per il sindaco di Roma, il candidato del Pd (qualunque fosse, Ignazio Marino o un altro) raccoglierebbe il 26% dei voti. Lo sfidante del Movimento 5 Stelle otterrebbe il 16%, meglio del candidato del centrodestra (13%). Alta la percentuale di chi non andrebbe a votare o sarebbe indeciso (in totale il 31%).

Calo della fiducia in Matteo Renzi e nel governo nell’ultima settimana. Secondo Ixè il premier passa dal 34% al 33%, mentre il governo si attesta al 27%, perdendo 2 punti. Renzi recupera gradimento tra chi mostra una propensione ad andare al voto, raccogliendo il 41% di fiducia. Al comando, nella fiducia degli italiani, rimane saldamente il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, con il 62%. Ixè ha sondato il campione anche in tema di immigrazione. Ben il 56% offrirebbe – se potesse – un lavoro a un richiedente asilo. Chiusura netta all’ipotesi, invece, dal 38% degli intervistati. In ogni caso, il 68% degli italiani pretende maggiore accoglienza dai Paesi europei mentre il 31% vorrebbe una politica di maggiore chiusura da parte del governo Renzi.
Questo il quadro delle intenzioni di voto (tra parentesi la percentuale nella rilevazione della scorsa settimana): Pd 33,8% (35,6). – M5s 21,7% (20,8). – Lega Nord 15,9% (15,1). – Fi 9,9% (10,0). – Sel 4,2% ( 4,6). – Fdi 4,2% ( 4,4). – Ncd 2,7% ( 2,3). – Prc 1,6% ( 1,4). – Udc 1,4% ( 1,9). – Sc 0,6% ( 0,5). – Verdi 0,5% ( 0,7).

La rilevazione è stata effettuata da Ixè per Agorà-RAI 3 il 17/6/2015 tramite sondaggio Cati-Cami su un campione casuale probabilistico stratificato di 1.000 soggetti maggiorenni (su 8.271 contatti complessivi), di età superiore ai 18 anni. Tutti i parametri sono uniformati ai più recenti dati forniti dall’Istat. I dati sono stati ponderati al fine di garantire la rappresentatività rispetto ai parametri di sesso, età e macro area di residenza. Margine d’errore massimo: +/- 3,1%.

 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Podemos, ex dirigente: “Movimenti stiano attenti a non dimenticare il popolo. M5S? Meno forte in costruzione”

next
Articolo Successivo

Roma, assedio a Marino: dopo attacco di Renzi, Mef contesta buco da 360 milioni

next