“Un partigiano come Calvino è un dono, anche Malala, una riflessione su quelle bellissime parole, sul diritto all’istruzione, troppo generiche e rischiose i saggi brevi sul XXI secolo e la tecnologia, in generale tracce scontate, in parte previste dal tototema dei giorni scorsi, come la resistenza e il mediterraneo” è il commento sulla tracce della maturità 2015 di Alex Corlazzoli, insegnante e giornalista del Fatto.it . “Una maturità di massa, attuale, sul pezzo, alla portata di tutti, se fossi studente sceglierei Malala, la pakistana che sfida i talebani, traccia buona per chi ha paura di cimentarsi sui temi storici” aggiunge. Poco sorprese dunque, “anche se Calvino è inaspettato, sarà molto gradito dagli studenti secondo quanto emerge da twitter in queste ore, tutto in linea con il programma”  di Irene Buscemi

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scuola, niente assunzioni: #lacattivapolitica

next
Articolo Successivo

Maturità 2015, Galimberti sul saggio breve sulla comunicazione: “Società come solitudine di massa”

next