Sbagliato il quadro e sbagliato l’anno. Errore nella traccia proposta per il saggio breve o articolo di giornale in ambito artistico-letterario “La letteratura come esperienza di vita”. Tra i documenti allegati ci sono immagini di Hopper, Van Gogh e Matisse. Di quest’ultimo è stata allegata una foto dell’opera “La lettrice in bianco e giallo” mentre nella didascalia si legge “La lettrice in abito viola“, entrambe opere di Matisse. Nella didascalia è sbagliato anche l’anno che non è il 1898 ma il 1919.

Non è la prima volta che nelle tracce della maturità vengono scovati errori. Nel 2008 il caso portò anche alle dimissioni del capo del team che elabora i testi perché un errore per il tema su Montale e altre imprecisioni segnalate in altri testi forniti dal ministero dell’Istruzione ai maturandi. Nel 2007 la Società dantesca denunciò un errore nella traccia sul poeta fiorentino.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Maturità 2015, sopravvissuti? Raccontateci il vostro tema

next
Articolo Successivo

Scuola, contro il progetto di Renzi: Resistenza, Resistenza, Resistenza

next