Il reddito di cittadinanza proposto dal Movimento 5 Stelle costerebbe 14,9 miliardi. La stima è del presidente dell’Istat, Giorgio Alleva, in un’audizione al Senato. La spesa sarebbe destinata a 2 milioni e 759 mila famiglie con un reddito inferiore alla linea di povertà”. Alleva fa riferimento al “costo totale del sussidio” che deriverebbe dall’applicazione nel 2015 della misura ipotizzata nel ddl del M5S.

L’istituto nazionale di statistica ha calcolato, poi, facendo riferimento a un compenso di 9 euro l’ora, che la proposta di legge presentata dal M5s sul salario minimo orario porterebbe a 1.560 euro mensili la retribuzione lorda base di un lavoratore a tempo pieno, portando l’Italia al secondo posto nella graduatoria Ue dei paesi che già possiedono lo strumento. In testa alla classifica europea, relativa al 2015, rimarrebbe comunque il Lussemburgo (1.923 euro), emerge sempre dalla tavole rilasciate dall’Istituto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Caro Renzi, che fine ha fatto la rottamazione?

next
Articolo Successivo

Migranti, Maroni: “Bloccare partenze con blocco navale o campi profughi in Libia”

next