Una strada a Roma da intitolare a Stefano Cucchi? Ci sono tanti morti veri, già acclarati come eroi che hanno sacrificato la vita per lo Stato. E loro avrebbero più titolo e onore di Cucchi, che non mi risulta abbia fatto atti di eroismo“. Sono le parole di Franco Maccari, segretario generale del sindacato di Polizia Coisp, ospite de La Zanzara, su Radio24. E aggiunge, in un fitto botta e risposta con uno dei conduttori, David Parenzo: “Perché intitolare una via a Cucchi? Cosa ha fatto? Le strade vanno intitolate a chi ha dato lustro e insegnamento all’Italia. Lui non mi pare che possa avere questo titolo. Non è possibile una cosa del genere. Io sto ancora raccogliendo firme contro il monumento che è stato piazzato a Genova per Carlo Giuliani. Carlo Giuliani non insegna niente al popolo italiano. Niente. Non è possibile additarlo come persona meritevole”. Poi chiosa: “Poi se volete intitolare strade a Freda e a Ventura, fate pure. Non è che divento matto per ‘sta roba. Giovanardi dice che Cucchi era uno spacciatore. Non penso che si sia inventato questa notizia. Cucchi aveva 40-50 denunce… arresti. Dov’è il problema?” di Gisella Ruccia

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Samantha Cristoforetti è atterrata alle 15.45 in Kazakistan

prev
Articolo Successivo

Ostia, “omicidio-suicidio”: il luogo del ritrovamento dei cadaveri di un uomo e una donna

next