“Il Parlamento prende atto dell’evolversi della definizione di famiglia. E raccomanda che le norme in quell’ambito tengano in considerazione fenomeni come le famiglie monoparentali e l’omogenitorialità”. Così il Parlamento europeo, approvando a larga maggioranza una risoluzione non vincolante sull’uguaglianza di genere, parla per la prima volta in maniera così esplicita della famiglia gay. La votazione ha visto 341 europarlamentari favorevoli, 281 contrari e 81 astenuti.

L’Aula di Strasburgo, quindi, chiede che la nuova strategia dell’Unione europea per la parità di genere sia dotata di obiettivi chiari, azioni concrete e un monitoraggio più efficace per progredire nella lotta alla discriminazione nel mercato del lavoro, nell’istruzione e nel processo decisionale. Il Parlamento Ue aggiunge che sono necessarie azioni specifiche per rafforzare i diritti delle donne disabili, migranti, appartenenti a minoranze etniche, delle donne Rom, delle donne anziane, delle madri single e dei Lgbt.

Presidente Gaynet Italia: “Enorme svolta culturale”
Franco Grillini, presidente di Gaynet Italia ha espresso soddisfazione per la risoluzione di Strasburgo dicendo che “come movimento lgbt andiamo dicendo da sempre che quella omosessuale è una famiglia come tutte le altre, con le stesse dinamiche e con gli stessi problemi. Ora a riconoscerlo solennemente è proprio l’Ue, che chiede anche che le norme in quell’ambito tengano in considerazione fenomeni come le famiglie monoparentali e l’omogenitorialità. Sotto il profilo culturale la svolta è enorme e fa piazza pulita del delirante ‘complotto gender’ di cui parla a vanvera il Vaticano”.

Vendola: “Passo avanti. In Italia invece politica balbetta”
Il presidente di Sel, Nichi Vendola, scrive su Twitter che è stato fatto “un altro passo in avanti in Europa sui diritti di tutte le persone. In Italia, invece, la politica balbetta. E non è riuscita neanche a dire no, finora, alle pretese della sentinella della morale Alfano e alle sue ottuse circolari”.

Maraniello, Ncd: “Poco importa, l’Italia se ne frega”
Diverso invece il giudizio del presidente della commissione Ambiente del Senato Giuseppe Marinello, che parla a nome dei senatori di Ncd. Secondo lui “poco importa se il Parlamento Europeo riconosce famiglie gay: l’Italia se ne frega altamente”.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cannabis, via libera all’uso terapeutico in Piemonte. “Sarà prescritta dai medici”

prev
Articolo Successivo

A ventiduenne con disabilità psico-fisica viene impedito di votare alle regionali

next