I tornelli in autobus come in metropolitana per bloccare chi non paga il biglietto. Dal prossimo 4 giugno a Bologna le linee di trasporto ubrano numero 16 (Piazza Cavour – Piazzale Atleti Azzurri d’Italia) e 60 (Via San Donato – Ospedale Sant’Orsola) saranno dotate del nuovo strumento di verifica del biglietto. L’idea era già circolata nei giorni scorsi e aveva fatto discutere lavoratori e cittadini. Ora l’annuncio ufficiale dell’azienda.

“L’installazione”, scrive Tper in un comunicato, “è stata autorizzata e certificata dalla motorizzazione civile su 8 mezzi urbani del parco veicolare. Sono autobus a due porte – una di accesso e una di discesa – sui quali sono installati, nei pressi della cabina di guida, poco oltre l’unica porta d’ingresso, dei bracci mobili che si aprono alla convalida del biglietto o del citypass, al riconoscimento dell’abbonamento o all’emissione dello scontrino dell’emettitrice automatica di biglietti urbani”. A quel punto una luce verde dà il via libera al passaggio dell’utente. “Nel caso si oltrepassi la barriera forzandola”, conclude Tper, “il sistema segnala l’accesso irregolare tramite un segnale acustico e una luce rossa lampeggiante”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Asili nido comunali aperti anche nel weekend, la proposta a Bologna

prev
Articolo Successivo

Festival della Lentezza 2015: ripensare l’Italia con Gratteri, Celestini e Travaglio

next