Tre anarchici sono stati condannati a 2 anni, 10 mesi e 20 giorni per aver preso parte a un “assalto” al cantiere del Tav a Chiomonte (in provincia di Torino) il 14 maggio 2013. Per gli imputati, erano in carcere dallo scorso luglio, sono stati disposti gli arresti domiciliari. La Procura di Torino aveva chiesto 5 anni e sei mesi. Gli avvocati difensori hanno espresso soddisfazione per una sentenza che, dicono, “ribadisce, come aveva già fatto la Corte d’Assise per altri 4 imputati, la non particolare gravità della vicenda nonostante quanto affermato dai pm”.

In quel caso i giudici di Torino assolsero gli imputati dall’accusa di terrorismo (l’assalto al cantiere fu a colpi di molotov) spiegando che non si trattò di un’”azione paramilitare” né di “terrorismo“, perché gli imputati volevano sì attaccare il cantiere, ma senza “far male a nessuno”: non intendevano “attentare alla vita o all’incolumità delle persone presenti nel cantiere”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Corruzione elettorale, arresti domiciliari per due consiglieri e un ex deputato dell’Ars

next
Articolo Successivo

Salvatore Parolisi, condannato a 20 anni per l’omicidio di Melania Rea

next