Venti anni di reclusione sono stati inflitti a Salvatore Parolisi per l’omicidio della moglie Melania Rea dalla Corte d’Assise d’Appello di Perugia che ha ricalcolato la pena dopo la Cassazione. Per l’ex caporalmaggiore, già condannato a 30 anni con l’abbreviato, i giudici hanno escluso l’aggravante della crudeltà. Non concesse le attenuanti.

Il sostituto procuratore generale Giancarlo Costagliola aveva chiesto la riduzione da 30 a 20 anni . Il magistrato ha invece sollecitato che all’ex caporalmaggiore dell’Esercito, che non era in aula, e la non concessione delle attenuanti generiche. Ad ascoltare il verdetto dei giudici c’erano si trovano il padre e il fratello della moglie.

L’ex caporalmaggiore dell’Esercito è stato ritenuto definitivamente responsabile del delitto, al quale si proclama però estraneo, dalla Cassazione che ha comunque annullato l’aggravante della crudeltà e rimesso gli atti per competenza a Perugia.

La difesa aveva chiesto un “doppio sconto”. Gli avvocati Nicodemo Gentile e Valter Biscotti, aveva sollecitato l’esclusione dell’aggravante della crudeltà e la concessione delle attenuanti generiche chiedendo una pena “sotto i 20 anni”. “Abbiamo sollecitato – ha detto l’avvocato Gentile – il minimo edittale. Una pena giusta, equa”. Per i difensori c’erano “tutti gli elementi per concedergli le attenuanti generiche come il fatto che sia un giovane, incensurato e militare irreprensibile“. Ma su questo punto i giudici hanno detto no.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

No Tav, tre anarchici condannati per “assalto” a cantieri Chiomonte nel 2013

next
Articolo Successivo

Parentopoli Ama Roma, 3 anni e 8 mesi all’ex numero uno Franco Panzeroni

next