Per 16 voti l’eurodeputato M5S Fabio Massimo Castaldo non è stato eletto vicepresidente del Parlamento europeo. Ed è la seconda volta.

Questa volta c’è andato vicino. Dopo la partenza di Olli Rehn per la Finlandia, il Parlamento europeo ha dovuto eleggere uno dei suoi vicepresidenti. A contendersi il posto l’italiano M5S Fabio Massimo Castaldo e la finlandese Anneli Jäätteenmäki. Quest’ultima ha vinto per solo 16 voti, 301 a 285.

Si conferma in questo modo l’estromissione sistematica degli eurodeputati a cinque stelle dalle cariche che contano all’Europarlamento nonostante secondo il metodo D’Hondt – usato per attribuire su base proporzionale presidenze e vice presidenze di commissioni e delegazioni parlamentari ai vari gruppi politici – questa vice presidenza spettava al gruppo del M5S e dell’Ukip, l’European Freedom and Direct Democracy (Efdd).

Questa estromissione non è frutto di una battaglia diretta al M5S in particolare quanto piuttosto della palese volontà di mettere all’angolo le fazioni politiche euroscettiche, come appunto il gruppo Efdd. Giusto? Forse no. Comprensibile? Forse sì. Sta di fatto che il M5S in Europa paga ancora una volta un’alleanza politica con il partito di Nigel Farage con il quale, più passo il tempo, meno sembra avere in comune.

Un dato è tuttavia rilevante. Nonostante la quarantena comandata dai principali gruppi politici – popolari, socialisti e liberali – Fabio Massimo Castaldo ha perso la vicepresidenza per soli 16 voti, triplicando il risultato personale di un anno fa. Questo vuol dire che molti eurodeputati non hanno rispettato gli ordini di scuderia e hanno premiato l’impegno e il lavoro dimostrato da Castaldo, come da altri suoi colleghi, in questo primo anno di legislatura. La prossima volta, tra un anno e mezzo, potrebbe andare diversamente.

@AlessioPisano, www.alessiopisano.com

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Gran Bretagna, Cameron pronto ad annunciare referendum sull’uscita da Ue

prev
Articolo Successivo

Euro, l’insostenibile pesantezza della moneta unica

next