Dilazionare il risarcimento nel tempo? Non è possibile: con qualsiasi operazione avremmo avuto il problema dell’infrazione”. Così Giuliano Poletti (Pd), ministro del Lavoro, risponde sul possibile dilazionamento della somma dovuta ai pensionati italiani dopo la sentenza della Corte Costituzionale che ha bocciato il blocco dell’indicizzazione delle pensioni voluto dalla legge Fornero. Per il ministro, intervenuto durante un convegno a Prato, la restituzione di due miliardi sui diciotto totali non è uno schiaffo a contribuenti e pensionati: “Ci siamo assunti la responsabilità di fronte al problema, gli italiani sono nella condizione di dirci se sono d’accordo o no“. Alle critiche della Cisl, Poletti risponde: “Abbiamo fatto una scelta compatibile con i requisiti che la Corte ci ha chiesto”. Aggiungendo: “E’ legittimo che ogni cittadino che reputi di averne titolo presenti il proprio ricorso“. Infine, interpellato sull’appropriatezza del nome scelto per il provvedimento – “Bonus Poletti” – il ministro afferma: “Non ho fatto la richiesta, me lo sono trovato”  di Max Brod

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Renzi e l’amnesia sulla legge Fornero

prev
Articolo Successivo

Regionali Puglia, lo spot del candidato Giorgione è un inno al cattivo gusto

next