La figlia del presidente cubano Raul Castro ha ‘benedetto’ decine di matrimoni gay simbolici all’Avana nel corso di una manifestazione contro le discriminazioni. Oltre un migliaio le persone che hanno sfilato per le strade sabato 9 maggio.

Durante il regime di Fidel Castro, gli omosessuali erano stati messi al bando. Il fratello Raul che oggi ha incontrato il Papa e Matteo Renzi durante la sua visita in Italia, una volta diventato presidente, ha condannato il trattamento riservato ai gay, garantendo loro maggiori diritti. Mariela, l’avvocato per i diritti degli omosessuali più in vista nell’isola, ha utilizzato la sua influenza per promuovere riforme in questa direzione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Turismo, nasce la app che seleziona le strutture per disabili, bambini e anziani

next
Articolo Successivo

Aborto: #marciaperlavita, la kermesse contro la legge 194 che distribuisce feti giocattolo

next