La figlia del presidente cubano Raul Castro ha ‘benedetto’ decine di matrimoni gay simbolici all’Avana nel corso di una manifestazione contro le discriminazioni. Oltre un migliaio le persone che hanno sfilato per le strade sabato 9 maggio.

Durante il regime di Fidel Castro, gli omosessuali erano stati messi al bando. Il fratello Raul che oggi ha incontrato il Papa e Matteo Renzi durante la sua visita in Italia, una volta diventato presidente, ha condannato il trattamento riservato ai gay, garantendo loro maggiori diritti. Mariela, l’avvocato per i diritti degli omosessuali più in vista nell’isola, ha utilizzato la sua influenza per promuovere riforme in questa direzione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Turismo, nasce la app che seleziona le strutture per disabili, bambini e anziani

prev
Articolo Successivo

Aborto: #marciaperlavita, la kermesse contro la legge 194 che distribuisce feti giocattolo

next