Bucanieri, sirene e marinai in sella a una bicicletta per il Bike Pride 2015 di Bologna. È una lunga parata ispirata al tema del mare quella che ha sfilato per le vie della Dotta in occasione della festa dedicata alle due ruote, circumnavigando il centro storico per confluire al parco della Montagnola. Quattro cortei sono partiti da altrettanti punti di ritrovo della città per celebrare la quinta edizione del Bike Pride, tra vascelli in cartapesta, vere e proprie barche e scialuppe, e i Retròmarcia, i ciclisti in costume che, novità di quest’anno, hanno preso parte alla parata secondo la moda anni Venti, salvagente, “righe in esubero” e sardine nel taschino per impersonare bagnanti e bagnini di qualche decennio fa.

Un’iniziativa promossa dall’associazione L’Altra Babele per la prima volta in occasione della Giornata nazionale della Bicicletta del 2010, e che, anche quest’anno, ha coinvolto centinaia di cicloamatori di tutte le età, con la partecipazione di associazioni culturali e di promozione sociale, musicisti e artisti di strada. “Con l’obiettivo – spiegano gli organizzatori – di sfilare insieme per diffondere un’idea di mobilità nuova e di socialità urbana”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pd: me ne vado, insieme a Pippo Civati. Non mi riconosco più in nulla di questo governo

prev
Articolo Successivo

Parma crac, dall’Europa League al fallimento: l’anno nero in un libro

next