‘O vogl’ squartat’ viv’“. Parola di Capastorta, alias Michele Zagaria, il numero uno del clan dei Casalesi. Una minaccia esplicita, dura, nello stile del boss della camorra. Oggetto e obiettivo della ‘fatwa’ del padrino di San Cipriano d’Aversa è Sandro Ruotolo, giornalista di Servizio Pubblico. Da oggi Ruotolo è sotto scorta. La decisione è stata presa dal prefetto di Roma, Franco Gabrielli, in attesa della riunione del comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza

La promessa di morte al giornalista televisivo è arrivata direttamente dal carcere, dove le parole di Zagaria sono state intercettate. La colpa di Ruotolo? Un reportage realizzato per la trasmissione di Michele Santoro e recentemente andato in onda su La7. Il tema? La Terra dei Fuochi. In particolare, a Zagaria non è andato a genio l’intervista fatta dallo storico collaboratore di Santoro a Carmine Schiavone. “Ci sono tracce recenti di rapporti tra Zagaria, quando era latitante, e i servizi segreti. Ma parliamo degli anni Duemila” dice il giornalista in uno dei passaggi. “Non ti posso dire più niente. Lo saprai al momento opportuno” è la risposta di Schiavone, pentito del clan, morto lo scorso febbraio.

Al giornalista sono arrivate diverse manifestazioni di solidarietà, fra le quali quella della giornalista e parlamentare Pd Rosaria Capacchione, anche lei minacciata dalla camorra per la sua attività al Mattino di Napoli: “La forza dello Stato si misura anche sulla base della sua capacità di proteggere chi è impegnato in prima linea non solo nelle indagini, ma anche chi ha denunciato e denuncia pubblicamente i crimini e l’illegalità. La scorta è una misura difensiva; in Campania, soprattutto nella Terra dei Fuochi, è forse ora di fare qualcosa di più contro Zagaria e gli altri clan”. Per Rosy Bindi, presidente Pd della Commissione antimafia, “quando un giornalista entra nel mirino della criminalità organizzata, e purtroppo nel nostro paese non sono pochi, è a rischio non solo la sua persona ma la libertà e la qualità dell’informazione, un bene prezioso per tutti”.

Questa è l’intervista che Ruotolo ha fatto a Carmine Schiavone e che è all’origine delle minacce

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

‘Ndrangheta, Corte d’Appello conferma le pene per vertici del clan Pesce a Rosarno

next
Articolo Successivo

‘Ndrangheta, 16 fermi per traffico di droga.”Base in pizzeria di New York”

next