Ha sorpreso tre ladri in casa sua e ha sparato, ferendone uno in modo grave. È accaduto a Nole Canavese, in provincia di Torino, dove un uomo di 79 anni, rientrando nella sua abitazione nella notte, ha trovato i malviventi che rovistavano tra le sue cose in camera da letto e non ha esitato a reagire. “Ho avuto paura – ha raccontato l’uomo ai carabinieri – così ho sparato”. Il pensionato ha utilizzato una pistola regolarmente denunciata da oltre 40 anni, dalla quale sono partiti due colpi. Uno di questi ha raggiunto un ladro, un uomo di nazionalità albanese di 39 anni rimasto a terra in una pozza di sangue. Soccorso dai medici del 118, è stato trasportato in gravi condizioni all’ospedale di Ciriè e in seguito trasferito al Centro traumatologico ortopedico di Torino, dove è stato sottoposto a un intervento chirurgico. Il proiettile avrebbe infatti leso la colonna vertebrale e il rapinatore rischia di riportare conseguenze permanenti. Gli altri due malviventi sono riusciti a fuggire. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della compagnia di Venaria che indagano per ricostruire la dinamica di quanto accaduto.

Sulla vicenda si è espresso il Libero sindacato di Polizia (Lisipo), che “si augura che all’anziano aggredito nella sua abitazione in piena notte e che, evidentemente preso dal panico, ha sparato, venga riconosciuta l’esimente della legittima difesa“. Antonio de Lieto, presidente del Lisipo, ha voluto precisare: “È difficile, in determinate situazioni, porre in essere da parte della vittima di un’aggressione una reazione perfettamente bilanciata rispetto alla gravità ed all’intensità dell’aggressione”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, testimoni a Save the Children: “Decine di morti nel Canale di Sicilia”

next
Articolo Successivo

Napoli, carabiniere uccide a colpi di pistola moglie e figlio. Poi si toglie la vita

next