Una scritta su uno sfondo nero con una spiga e un aereo stilizzato. Il nuovo logo per la festa dell’Unità a Reggio Emilia fa discutere il Partito democratico in Emilia Romagna perché secondo alcuni richiama l’iconografia fascista. “Mi sa che quel logo va cambiato”, ha commentato su Twitter il sindaco Pd di Reggio Emilia Luca Vecchi. Il nuovo simbolo, con la scritta “FestaReggio” (il nome che da anni ha assunto la festa di partito reggiana) è sormontato da una spiga. Alla base c’è un aereo stilizzato che richiama il Campovolo, ovvero il luogo dove tradizionalmente si svolge la festa. Il tutto su uno sfondo nero. Una combinazione che ha creato numerose polemiche.

In occasione dell’annuncio del concerto dei Prodigy del 25 agosto prossimo, è stato presentato ufficialmente il logo, ma il dibattito ha oscurato l’annuncio del concerto. Il responsabile della festa, Paolo Cervi, ha spiegato che si tratta di un’iconografia versatile, tanto che, in tarda sera, la festa ha presentato lo stesso logo su sfondo rosso che gli dà tutta un’altra aria. E, lui che è un discendente dei sette fratelli Cervi, partigiani uccisi dai fascisti nel ’43, uno dei simboli della Resistenza italiana, ha liquidato le polemiche. “Simbolo fascista? Sono un Cervi, forse basta questo”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Primo Maggio: Luca lavora solo il giorno della Festa dei lavoratori

next
Articolo Successivo

Isis, l’ex moglie dell’aspirante foreign fighter: ‘Mai pensato fosse tipo da jihad’

next