Tra qualche tempo potremo sbloccare lo smartphone con il più classico dei gesti che compie chi usa un telefono: semplicemente appoggiandolo all’orecchio. A prometterlo è un team di sviluppatori degli Yahoo Labs, che hanno presentato la nuova tecnologia Bodyprint. L’idea di fondo è quella di introdurre un sistema a basso costo per il riconoscimento biometrico, utilizzando lo schermo capacitativo dei dispositivi al posto dei complessi (e costosi) sensori ad alta definizione fin qui utilizzati a questo scopo da aziende come Apple e Samsung

Ovviamente la scansione eseguita con lo schermo touch ha una risoluzione e una precisione inferiori rispetto ai sofisticati sensori adottati su iPhone e Galaxy, ma Yahoo! conta di aggirare l’ostacolo utilizzando come “chiave” parti del corpo più grandi, come il palmo della mano, le falangi o, appunto, la forma dell’orecchio. Il team di sviluppo ha eseguito dei test ristretti sperimentando l’uso di diverse tipologie di impronte, ottenendo risultati confortanti: l’accuratezza del sistema nell’identificare l’utilizzatore raggiungerebbe infatti il 99,52%. Le possibili applicazioni di Bodyprint, come illustrate nel video pubblicato dal team di sviluppo, comprendono l’autenticazione per l’accesso a documenti riservati e, in futuro, quella per servizi di terze parti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mortal Kombat X: quando restare fedeli a se stessi è un valore aggiunto

prev
Articolo Successivo

App per Windows 10: Microsoft “cannibalizza” i codici di iOS e Android

next