Dopo la maxi multa da 2,5 miliardi decisa dalle autorità statunitensi e la notizia del coinvolgimento nell’indagine per i derivati di Mps, il gruppo tedesco Deutsche Bank ha annunciato un piano di ristrutturazione che di qui al 2020 punta a tagliare i costi di 3,5 miliardi attraverso la chiusura di 200 filiali su 750 entro il 2017, il ritiro da almeno sette Paesi e l’uscita da attività che non generano profitto. In particolare i vertici intendono vendere la banca al dettaglio Postbank, comprata nel 2008 dall’ex amministratore delegato Josef Ackermann, riducendo la partecipazione sotto il 50% già entro il prossimo anno. Secondo i media tedeschi un ritiro dall’Italia, secondo mercato dopo la Germania, è escluso, ma l’azienda non ha confermato. Non è ancora chiaro quanti posti di lavoro, a livello globale, siano a rischio.

La “Strategia 2020” ufficializzata lunedì prevede una “trasformazione del modello operativo” e una “semplificazione della struttura” attraverso digitalizzazione, incremento dell’efficienza e uscita dai business strutturalmente in perdita. La divisione Corporate banking dovrà diminuire la leva finanziaria lorda di circa 200 miliardi di euro e la presenza sui mercati stranieri sarà ridotta del 10-15%

La nuova strategia è stata ufficializzata lunedì e arriva dopo che, nel primo trimestre del 2015, l’utile del gruppo è sceso a 559 milioni di euro contro gli 1,1 miliardi dello stesso periodo del 2014 in seguito agli accantonamenti da 1,5 miliardi necessari a causa delle multe ricevute perché alcuni suoi trader, tra il 2005 e il 2009, hanno manipolato i tassi di interesse a vantaggio della banca.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Disuguaglianze, 9 milioni di “esclusi” in Italia. Con la crisi aumentati di 2 milioni

next
Articolo Successivo

Ilva, risparmiare sulle festività non basta. In vendita sul sito i macchinari smessi

next