Sandro Ruotolo si trova nel quartiere Brancaccio, a Palermo, sotto la casa di Giovanni Lo Porto, il cooperante italiano rapito nel 2012 in Pakistan, nel giorno in cui Barack Obama ne annuncia la sua morte. Lo Porto è stato ucciso da un drone durante un’operazione dell’antiterrorismo statunitense lo scorso gennaio al confine con l’Afghanistan. La cognata lo ricorda così: “Era una persona speciale, d’oro”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Servizio Pubblico, Luttwak: “Intervento in Libia non è fattibile”. Lerner: “Fregatura per Italia”

next
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, Paragone: “Rom? Non c’è razzismo, ma c’è intolleranza”

next