Giuseppe Giosi Ferrandino, sindaco Pd di Ischia arrestato il 30 marzo nell’ambito dell’inchiesta sulla Cpl Concordia, è tornato sull’isola. Il Tribunale del Riesame di Napoli gli ha concesso gli arresti domiciliari accogliendo la richiesta dei legali Alfonso Furgiuele e Gennaro Tortora. Con una lettera inviata dal carcere di Poggioreale Ferrandino ha negli scorsi giorni ritirato le dimissioni da primo cittadino.

Ferrandino – primo dei non eletti nelle liste del Pd nelle scorse elezioni europee – è stato arrestato nell’ambito dell’inchiesta del pm napoletano Henry John Woodcock sulla Cpl Concordia, la cooperativa rossa emiliana attiva nel settore energia e gas: un colosso da 440 milioni di fatturato nel 2013 e 1.800 lavoratori. Insieme al primo cittadino dell’isola erano finite in manette altre 10 persone accusate a vario titolo di associazione per delinquere, abuso d’ufficio, corruzione e corruzione internazionale. Secondo l’accusa, la Cpl Concordia avrebbe firmato due convenzioni che prevedevano l’impegno a erogare la somma complessiva di oltre 300mila euro all’albergo della famiglia di Ferrandino e ad assumere come consulente il fratello del sindaco, ricevendo in cambio l’affidamento dei lavori per la metanizzazione.

Secondo i magistrati napoletani il sindaco del Pd avrebbe ricevuto una serie di favori in cambio dell’appalto dei lavori. Cpl Concordia per il Gip avrebbe organizzato e gestito un vero e proprio “sistema affaristico”, mantenendo contatti con Massimo D’Alema che ha invece rivendicato i suoi rapporti “trasparenti” con la cooperativa rossa: “Non ho avuto alcun regalo e nessun beneficio personale”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Claudio Fazzone, confiscata villa abusiva dell’onorevole Fi che siede in Antimafia

prev
Articolo Successivo

Fondi neri per gli elicotteri all’Algeria: perquisiti 41 ex dirigenti Agusta Westland

next