Noussair Louati, il sospetto foreign fighter dell’Isis fermato a Ravenna, era arrivato in Italia nel 2011, sbarcato a Lampedusa dalla Tunisia sconvolta dalla Primavera araba. È lì che lo avevamo conosciuto, come testimoniano queste fotografie. Raccontava di voler raggiungere Ravenna. Oggi Noussair è stato arrestato con l’accusa di volersi arruolare tra le fila dello Stato Islamico, in Siria. Nei quattro anni trascorsi in Italia, non era riuscito a trovare un lavoro fisso. Nell’ultimo periodo frequentava spesso le moschee di Ravenna e Milano. Per sopravvivere, spacciava droga: voleva mettere da parte i soldi per partire per la Siria, come ha raccontato pochi giorni fa a un amico al telefono. Sono state proprio queste intercettazioni a incastrarlo. Poche ore fa il premier Matteo Renzi ha dichiarato: “Sui barconi non solo famiglie innocenti” di Viviana Morreale

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Servizio Pubblico, rom: ‘Mattino 5 mi ha pagato per dire che rubo 1000 euro al giorno’

next
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, riguarda la puntata “Dittadura”

next