Il naufragio di oggi a 60 miglia a nord della Libia, in cui si ipotizza abbiano perso la vita 700 migranti, sarebbe così la strage più grave dal dopoguerra che si è verificata nel Canale di Sicilia, peggiore anche della strage di Lampedusa del 3 ottobre 2013, che fece 366 morti e 20 dispersi. Lo scorso febbraio i morti erano stati oltre 200 e i dispersi 100.

Prima di queste ultime, la tragedia più nefasta tra quelle accertate – perché molte nel Canale di Sicilia hanno avuto un bilancio di vittime rimasto imprecisato – era la cosiddetta strage della notte di Natale del 1996: in un tragico tentativo di sbarco al largo di Capo Passero, persero la vita 283 clandestini tra pakistani indiani e cingalesi Tamil. Erano stipati su un mercantile che trasportava circa 450 immigrati. Il cargo si fermò tra Malta e la Sicilia, in attesa dell’arrivo di un’imbarcazione più piccola sulla quale trasbordare i migranti che dovevano raggiungere le coste siracusane.

I disastri legati nel mar Mediterraneo negli ultimi 20 anni
Il 7 marzo 2002: più di 50 curdi scompaiono in un naufragio vicino alle coste siciliane, il 20 giugno 2003 50 persone muoiono e 159 scompaiono nell’affondamento di un barcone di fronte alla costa tunisina, il 31 marzo 2009: almeno 214 migranti scompaiono in un naufragio nelle acque libiche, il 14 marzo 2011: tra 40 e 60 persone muoiono quando il barcone su cui viaggiano si capovolge al largo della Tunisia, tra il 22 e il 27 marzo 2011: due imbarcazioni scompaiono mentre tentano di raggiungere le coste italiane, vi viaggiavano 335 e 160 persone, il 29 e 30 marzo 2011: secondo il quotidiano britannico The Guardian, 61 migranti muoiono quando le unità europee e della Nato ignorano le richieste di soccorso. La Nato nega il fatto, il 6 aprile 2011: 250 persone scompaiono quando il barcone su cui si trovano si ribalta al largo dell’isola di Lampedusa, si salvano circa 50; il 6 maggio 2011: una imbarcazione sovraccarica affonda al largo della Libia, vi si trovano 600 persone di cui se ne salvano soltanto 130, il 2 giugno 2011: tra 200 e 270 persone scompaiono al largo della costa tunisina, mentre tentano di fuggire dal conflitto in Libia.

Il 9 luglio 2012: 54 migranti muoiono per disidratazione nel viaggio dalla Libia verso l’Italia, il 3 ottobre 2013: 360 persone muoiono nel naufragio del barcone con cui viaggiano verso Lampedusa; l’11 ottobre 2013: 50 morti per il ribaltamento di un gommone al largo di Lampedusa; l’11 maggio 2014: i cadaveri di almeno 40 migranti sono recuperati di fronte alla cittadina libica di al-Garbuli, in Libia, il 2 luglio 2014: 75 migranti scompaiono mentre tentano di raggiungere le coste italiane; il 24 settembre 2014: la Marina italiana scopre i cadaveri di 18 migranti in un gommone alla deriva a sud di Lampedusa; il 26 agosto 2014: la Marina italiana trova 24 cadaveri a sud della costa dell’isola di Lampedusa, il 31 agosto 2014: la Guardia costiera tunisina recupera i corpi senza vita di 41 persone annegate vicino alla costa di Ben Guerdan, il 5 dicembre 2014: la Guardia costiera italiana recupera i cadaveri di 18 migranti in un gommone su cui si viaggiavano 76 persone, nel canale di Sicilia; l’11 febbraio 2015: almeno 300 migranti partiti dalla Libia muoiono nel canale di Sicilia, 29 di loro per ipotermia, gli altri per naufragi, il 13 aprile 2015: 400 migranti scompaiono nel naufragio di una imbarcazione di fronte alla Libia.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Salone del Mobile, Grillo: “L’Italia migliore è qui. Crisi, lo Stato è assente”

next
Articolo Successivo

Strage migranti, il Papa: “Comunità internazionale agisca con decisione”

next