Forza Italia nelle Marche sta con Ncd e Udc (Area popolare) e sostiene il governatore uscente Gian Mario Spacca che per due legislature è stato il candidato del Partito democratico. “Il centrosinistra non c’è più”, ha commentato il presidente della Regione. “Ed è sbagliata l’idea del Pd nelle Marche di poter sovrapporre la propria burocrazia all’amministrazione regionale, pensando a un esito elettorale ormai scontato”. I democratici hanno infatti chiesto a Spacca di fare un passo indietro dopo aver fatto due mandati e a lui hanno preferito il vincitore delle primarie Luca Cerisciola. Tanto è bastato a Spacca per fare il salto di campo.

E adesso, dopo l’accordo sulla sua ricandidatura, il governatore delle Marche critica il suo ex partito. “E’ finita con questa legislatura – ha detto parlando con i giornalisti a margine di un’iniziativa della Fondazione Merloni – un’esperienza iniziata nel 1997 che aveva visto la collaborazione tra partiti e comunità regionale, in particolare con i ceti medi imprenditoriali. Si è preferita, da parte del Pd, una soluzione di tipo politico pensando ad un esito elettorale ormai scontato, e che si potrà realizzare una sovrapposizione tra la burocrazia del partito e l’amministrazione regionale. Da parte mia e di molti altri si ritiene che sia un scelta sbagliata”.

Alla base del programma politico-programmatico definito oggi da Marche 2020-Ap con Fi, “c’è il sostegno al rilancio del sistema imprenditoriale marchigiano. L’accordo con Fi, che nelle Marche è soprattutto espressione delle iniziative e della cultura imprenditoriale – osserva Spacca – è nato soprattutto su questo fatto”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Riforme, renziani spiazzati dal premier: ‘Composizione Senato non è modificabile’

prev
Articolo Successivo

Riforme: il ‘Renzipartito’ arrogante e sfarinato tra Italicum e Regionali

next