Il governo ha fatto 13. Dopo il tira e molla sui numeri delle nuove assunzioni propiziate dagli sgravi contributivi della legge di Stabilità, ad archiviare la controversia tra esecutivo, opposizione e sindacati ci pensano i dati indipendenti dell’Inps. Le tabelle diffuse venerdì dall’istituto di previdenza presieduto da Tito Boeri parlano chiaro: nei primi due mesi del 2015 i rapporti di lavoro attivati sono stati 968.883, cioè solo 13 in più rispetto ai 968.870 dei primi due mesi del 2014. La variazione statistica che ne risulta è pari a zero. Una doccia gelata per Giuliano Poletti e Matteo Renzi, impegnato nel frattempo nel complicato parto del Documento di economia e finanza. A fine marzo il ministro del Lavoro e il premier avevano rivendicato con entusiasmo numeri – “79mila contratti stabili in più” – che si sono poi gravemente incompleti, visto che non tenevano conto delle cancellazioni, cioè dei rapporti di lavoro che nel frattempo erano giunti al termine.

Vero è che a gennaio e febbraio, i primi mesi di operatività della decontribuzione prevista dalla manovra 2015, sono aumentate in modo consistente le nuove assunzioni a tempo indeterminato: in tutto sono state 307.582, il 20,7% in più rispetto a quelle dello stesso periodo del 2014, prima dell’insediamento del governo Renzi. E sono cresciute del 7,4% anche le conversioni dei contratti di apprendistato. Peccato che il boom sia stato controbilanciato da un forte calo dei contratti a termine (-7%) e dei nuovi contratti di apprendistato (-11,3%), oltre che da una riduzione dell’11,2% delle conversioni a tempo indeterminato di rapporti a termine. Dato, quest’ultimo, che potrebbe risentire anche del fatto che molti datori di lavoro avranno rinviato le trasformazioni a marzo, quando è entrato in vigore il primo decreto attuativo del Jobs Act, quello che introduce il contratto a tutele crescenti con applicazione limitata dell’articolo 18. Il risultato finale, comunque, è che la variazione complessiva è stata, appunto, nulla. L’Inps segnala per altro, a scanso di equivoci, che sono stati rilevati tutti i rapporti di lavoro attivati nel periodo, “anche quelli in capo a uno stesso lavoratore, con riguardo a tutte le tipologie di lavoro subordinato, incluso il lavoro somministrato e il lavoro intermittente”.

Sempre a gennaio e febbraio 2015 le conversioni a tempo indeterminato di rapporti a termine e gli apprendisti trasformati in tempi indeterminati sono stati 95.804, cifra che porta i nuovi rapporti di lavoro stabili a quota 403.386. Di conseguenza la quota di nuovi rapporti di lavoro stabili è passata dal 37,1% del primo bimestre 2014, al 41,6% dei primi due mesi del 2015. La “qualità” del lavoro, dunque, migliora, nel senso che una parte di quanti avevano contratti precari sono stati stabilizzati. Ma i freddi numeri, quelli che come è noto Renzi snobba, non permettono certo di festeggiare. Come attestato per altro dagli ultimi dati Istat sulla disoccupazione, di nuovo in aumento.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Jobs attack”, il cortometraggio sul lavoro girato da un macchinista

next
Articolo Successivo

Disoccupazione: il balletto delle cifre e la generazione ‘dimenticata’ degli over 50

next