Dieci anni dopo lo sgangherato tentativo del canton Ticino, che con i suoi deodoranti per armadi diventò per sei anni una piccola Giamaica sulle Alpi, il paese cantonale ci riprova: “Facciamo come in Uruguay”. In prima linea il capo della polizia di Neuchatel Olivier Gueniat e l’ex presidente federale della Repubblica Ruth Dreifuss. “L’offerta di stupefacente è così estesa da non essere intaccata dalla nostra attività di polizia e la domanda di droga non accenna a diminuire”, ammette l’investigatore. Gli fa eco la politica socialista: “Regolamentiamo la cannabis come alcool e tabacco. È molto più efficace incoraggiare la gente a osservare delle regole piuttosto che imporre un divieto al quale di certo si trasgredirà”. Il progetto pilota atteso a Ginevra entro il 2015  di Lorenzo Galeazzi e Alessandro Madron

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Isis, ong: “In Siria decapitati due combattenti palestinesi a Yarmouk”

next
Articolo Successivo

Marijuana, la svolta della Svizzera: “Sì a progetto pilota per Cannabis social club”

next