Durante una vacanza alle isole Canarie, acquistai un beauty case rigido della Samsonite. Design elegante, colore grigio antracite e ovviamente provvisto della combinazione nel gancio di chiusura. Erano gli anni ’80 e oggi non si vedono più le signore girare negli aeroporti con questi piccoli contenitori da viaggio, a mio parere molto chic. Sfogliando una rivista di articoli erotici mi sono imbattuta in un oggetto simile e senz’altro più utile, progettato da Deborah Semer, una simpatica imprenditrice di Seattle: sto parlando del ‘Joyboxx’.

Sì perché una volta utilizzati i sex toys, bisogna trovare una scatola, un astuccio, un involucro per proteggerli dai microbi, dalla polvere, dagli urti. L’idea è originale e utile. Studi hanno dimostrato che il 20% degli uomini e il 14% delle donne non igienizza i propri oggetti del piacere, cosicché si possono trasmettere virus, funghi e batteri.

Nel Joyboxx si estrae un piccolo vassoio, si appoggia il Rabbit d’ordinanza, si mette tutto sotto l’acqua, si lascia asciugare e si ripone. Le dieci griglie del vassoio – con antibatterico incorporato – permettono l’aerazione e tutto il contenitore può essere messo tranquillamente in lavastoviglie. E’ di plastica riciclabile, colorata, con un piccolo scomparto nel coperchio in cui porre preservativi, lubrificanti, batterie e sex toys di dimensioni più piccole.

Il design è moderno e discreto ed è accattivante per donne, uomini di qualsiasi età e orientamento sessuale. Un altro aspetto importante è che se si hanno oggetti del piacere in casa, è sempre bene collocarli lontano da bambini, colf o suocere curiose. In questo modo tutto è ordinatamente riposto in sicurezza, lucchetto con combinazione incluso. Quindi ode alla ‘Scatola della Gioia’ ricordandovi che se partite per le Canarie, potrebbero farvela aprire al controllo bagagli a mano. E sai che divertimento.

Potete seguirmi anche sul sito www.sensualcoach.it

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Giardino di Ninfa, un paradiso in provincia di Latina

prev
Articolo Successivo

‘Twittabolario’, per giocare nel nome di Dante

next