Non più chiamate on line solo con Skype e Viber, ma da oggi anche con WhatsApp. Dopo mesi di test in cui il servizio ha funzionato solo su invito, la possibilità di fare chiamate vocali tramite Voip, con l’applicazione di messaggistica on line, sarà accessibile a tutti gli utenti dei dispositivi Android. Per quelli di iOS serve ancora un po’ di pazienza, il servizio dovrebbe essere attivato “entro un paio di settimane”, come annunciato dal cofondatore della chat, Brian Acton, durante la conferenza di F8 di Facebook per gli sviluppatori. E a seguire sarà la volta degli utenti di Windows Phone e BlackBerry.

L’introduzione delle chiamate vocali tramite WhatsApp era già stata annunciata un anno fa dal ceo Jan Koum, durante il Mobile World Congress di Barcellona e ora inizia a diventare realtà. Per cominciare ad utilizzare il servizio gli utenti Android devono aggiornare l’applicazione e installarne la versione 2.12.19: aprendo l’app comparirà in alto un nuovo menù che oltre ai pulsanti Chat e Contatti avrà anche quello Chiamate. Durante la chiamata si potranno utilizzare alcune funzioni di base. Il nuovo servizio potrebbe contribuire ad aumentare ancora di più la popolarità della piattaforma che, acquistata da Facebook lo scorso febbraio, ospita ogni giorno oltre 30 miliardi di messaggi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pesce d’aprile 2015, Pac-Man su Google Maps: si gioca per tutto il giorno

prev
Articolo Successivo

Russia, i troll a servizio di Putin: ecco la propaganda del Cremlino (contro Kiev)

next