Circa 200 produttori europei del settore lattiero-caseario hanno manifestato di fronte al Parlamento europeo a Bruxelles. Preoccupazione per il possibile crollo del prezzo del latte in seguito alla fine delle quote latte. “È finita una truffa”, attacca Mario Borghezio, eurodeputato della Lega Nord, che chiede l’istituzione di “una commissione d’inchiesta” per indagare “i dati sbagliati forniti dal governo italiano all’Europa”. Ma nel 2003 il governo era quello di Berlusconi, fa notare Roberto Cavaliere della Copagri Lombardia, alleato proprio con la Lega Nord. “Ben venga una commissione d’inchiesta ma del Parlamento Europeo“, dice Cavaliere. Intanto la paura è che la fine delle quote latte avvantaggi soprattutto le multinazionali del settore: “La fine delle quote è l’occasione perfetta per le multinazionali di spingere al massimo la produzione di latte e abbattere i costi”, denuncia l’eurodeputato francese verde José Bové, che chiede “un sistema di adeguamento della produzione ai costi all’origine”  di Alessio Pisanò

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Abruzzo, Regione comprerà sede per 42 milioni. L’accusa: ‘Regalo ai costruttori’

prev
Articolo Successivo

Governo, la supercazzola di Bubbico sul tweet di Gasparri ‘Viva il Vesuvio’

next