Cosa ne pensa del tweet di Maurizio Gasparri, che ha scritto ‘Viva il Vesuvio’?“. E’ questa la semplice domanda rivolta da Roberto Arduini, nel programma “Ecg Regione” (Radio Cusano Campus), al viceministro dell’Interno Filippo Bubbico, a proposito del contestato tweet pubblicato domenica scorsa dal senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri contro Raffaele Cantone e Lucia Annunziata. Ma il senatore del Pd si inerpica su una vera e propria supercazzola di monicelliana memoria, dall’effetto grottesco e surreale: “Non so a cosa volesse riferirsi Gasparri. Io penso che noi dobbiamo modulare l’intensità di presenza delle forze di Polizia in relazione ai fenomeni, per come vengono in evidenza. E dobbiamo rafforzare la capacità investigativa, perché ai cittadini bisogna dare la sicurezza”. Bubbico scodella per più di un minuto le sue ricette per ‘potenziare l’attività investigativa’ e per stanare ‘i fenomeni di penetrazione mafiosa’. Esausto, il conduttore interviene per interrompere il prolisso intervento del viceministro: “Insomma, sul tweet di Gasparri non ci vuole rispondere”. “No” – risponde candidamente Bubbico – “non so a cosa volesse riferirsi con ‘viva il Vesuvio’. Onestamente non so” di Gisella Ruccia

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Addio Quote latte, Borghezio esulta: ‘Fine della truffa’. Bové (Verdi): ‘Ingrasseranno le multinazionali’

prev
Articolo Successivo

Fi, Bianconi: “Bondi vernice vecchia? Da Toti una coglionaggine. Finito appeal di B.”

next