Carissimi lettori,

Ricordo che nella mia infanzia quando pensavo all’anno 2000, mi immaginavo un tempo dove tutto era supertecnologico, futuristico e spaziale e invece purtroppo siamo al 30 marzo 2015 e ci sono ancora persone che sono costrette a rubare per poter mangiare, bimbo disabile che viene umiliato alla scuola materna e insegnante che tira il banco addosso all’alunna e le rompe due costole.

Certo non era questo il Paese spaziale che sognavo, ma quello che mi lascia ulteriormente senza parole e mi indigna è vedere che ci sono persone che invitano i genitori a far attenzione ai testi che trattano temi gender perché per loro “L’omosessualità è sbagliata, è una tendenza contro natura”.

Personalmente credo che se due persone si vogliono bene e si amano nel rispetto reciproco non vedo dove sia il problema, e che un bimbo non si faccia nessun tipo di pregiudizio, l’importante è spiegare ai piccoli le cose in modo semplice e chiaro ed è per questo che credo che dei testi sul tema siano positivi.

Ho un nipotino di tre anni e mezzo e fin da piccolo mi è sempre stato vicino e ha potuto vedere da vicino la mia disabilità e non si è mai fatto nessun problema, certo fa sempre tante domande ma a me questo fa piacere e non crea nessun disagio, anzi credo sia un momento di crescita per entrambi.

Dalla mia esperienza personale penso che il problema non nasca dai bimbi o bimbe ma da dei preconcetti degli adulti, voi cosa ne pensate?

Per segnalare la vostra storia scrivete a: raccontalatuastoria@lucafaccio.it

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

New York, l’esperimento dello chef: serve piatti fatti con resti e “spazzatura”

next
Articolo Successivo

Andreas Lubitz, la ‘variabile umana’ fra esaltanti conquiste e profondi abissi

next