Motomondiale 2014 a ValenciaRossi c’è! Più volte lo sentiremo urlare da Guido Meda, che per fortuna degli appassionati torna a commentare il motomondiale, più Valentino sarà protagonista della stagione di MotoGP 2015 che inizia questo fine settimana in Qatar. Il “Dottore”, laureatosi 9 volte campione del mondo, arriva all’alba della 20esima stagione nel motomondiale con l’ambizione di conquistare il decimo titolo iridato. E’ “fermo” dal 2009 e nelle 5 stagioni successive non è mai stato competitivo. Il secondo posto dell’anno scorso, a quasi 70 punti di distanza dal fenomeno Marq Marquez sembra l’abbiano rinfrancato. Nella seconda parte della stagione scorsa è sempre salito sul podio e quelle due volte sul gradino più alto gli hanno ridato le sensazioni quasi dimenticate dopo i due anni di Ducati e il primo di rodaggio dopo il ritorno in Yamaha.

Valentino Rossi ha 36 anni e dall’alto della sua esperienza sa che questo sarà un mondiale decisivo per il suo futuro, da motociclista che, dice lui, non vede oltre il 2016? Fa strano pensare a un addio perché sembra ieri quando nel 1996 identificammo questo ragazzino di Tavullia che sfrecciava, irriverente, sulle piste di tutto il mondo e si cuciva addosso, indissolubilmente, l’immagine di italiano di successo.

Un “marchio”, come la Ferrari, è stato l’eccellenza delle due ruote che tutti ci invidiavano. Divertente, simpatico, spericolato e vincente, tutto perfetto e anzi di più perché anche odiato da Max Biaggi che per alcuni anni interpretò il ruolo del rivale “antipatico”. Belloccio ma riservato sulla sua vita privata e fin troppo riservato nei confronti dell’Agenzia dell’Entrate. L’italiano che tutti saremmo voluti essere? Forse anche nei difetti ci rispecchia e anche se l’immagine vincente negli ultimi anni è un po’ sbiadita, Valentino ha dato sempre l’impressione di lottare e saper perdere.

Una moto non all’altezza (Ducati) o un avversario che ti bastona e ripercorre le tue stesse orme e anzi, nei numeri fa meglio (Marquez), sono alibi solidi per giustificare le sconfitte. Mancanza di “fame” e appagamento potrebbero mai esserci in un ragazzo che, anche quest’anno sarà il pilota più pagato, fra Yamaha e sponsor, intasca oltre 15 milioni di euro. Voi smettereste? Tranquilli, neanche un matrimonio o un figlio disarcioneranno presto Valentino Rossi. Lui e il suo numero 46 in pista serve al motomondiale, serve alle televisioni, serve ai giornali serve agli sponsor e serve anche agli appassionati che da domenica sperano di issarsi “tutti in piedi sul divano” perché Rossi c’è e ci sarà.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Guido Meda passa a Sky. Dopo un anno racconterà di nuovo la MotoGP

next
Articolo Successivo

MotoGp 2015, le Ducati volano in Qatar: Dovizioso in pole davanti alle Honda

next