A conversare amabilmente con il ministro Maurizio Lupi c’è anche Salvatore Di Gangi, fratello di Vittorio, detto er Nasca, indicato nelle carte come il capo di un giro di estorsioni a Roma. L’intercettazione emerge dall’inchiesta della Procura di Firenze sulle grandi opere che ha portato in carcere, fra gli altri, Ercole Incalza, e all’annuncio di dimissioni dello stesso Lupi. Salvatore Di Gangi è riconducibile alla società Sipro-Sicurezza Professionale. A passare il telefono al ministro è Franco Cavallo, dimessosi oggi dalla presidenza di Centostazioni (grupp Fs) dopo essere finito ai domiciliari nell’inchiesta “Sistema”.

Di Gangi chiama Cavallo che si trova a Londra auna manifestazione in memoria di San Tommaso Moro. Dopo i saluti, a richiesta di Di Gangi, Cavallo passa la telefonata a Lupi che gli è vicino: “…ma che c’è Maurizio lì vicino? … è lui che parla?”. “Aspetta che te lo passo. Vai – dice Cavallo passando il telefono al ministro – che ti vuole salutare Salvatore”. Lupi rimprovera Di Gangi: “Non vieni mai alle nostre cose…”. Poi, nella conversazione è Di Gangi a dire “Io se non vi sto vicino … sto male … capito? … vi sto vicino da lontano”.

Anche successivamente alla trasferta londinese di ottobre, Cavallo chiama Salvatore Di Gangi nel corso di una cena. E’ la vigilia di Natale e ancora una volta gli passa al telefono il ministro. “Torni a Roma dopo Natale? Quando hai un attimo di tempo se c’è Frank (Cavallo, ndr) andiamo a mangiare un boccone insieme”, dice Di Gangi a Lupi.

I rapporti tra Di Gangi e Cavallo riguardano anche la vita delle Compagnia delle Opere, con il primo che segnala al secondo un intervento per cercare di bloccare la candidatura per le elezioni alla presidenza del braccio economico di Cl nel Lazio, di un soggetto indicato come ‘il Grezzo’.

LA PRECISAZIONE DELLA SIPRO: “LA SOCIETA’ NON E’ RICONDUCIBILE A DI GANGI”

LA REPLICA DEL FATTOQUOTIDIANO.IT

Nelle carte dell’inchiesta sul Tav di Firenze, i carabinieri del Ros intercettano Salvatore Di Gangi, almeno fino 2014, su un’utenza cellulare “intestata alla Sipro – Sicurezza professionale con sede a Roma in via Di Salone 137”. Attendiamo quindi da Sipro delucidazioni sui suoi rapporti attuali con Salvatore Di Gangi. Osserviamo inoltre che, sempre secondo il Ros, la Sipro è integralmente controllata dalla Sipro Holding srl “in cui compaiono come soci le figlie Alessandra e Francesca Di Gangi”. Per il resto, ilfattoquotidiano.it non collega affatto la Sipro al fratello di Di Gangi, né scrive che la società sia coinvolta nell’inchiesta (fq)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Priebke, otto a giudizio per rissa: si opposero al funerale del boia delle Ardeatine

prev
Articolo Successivo

Lupi, il manager racconta il sistema: “Paese di merda, ma ho fatto i soldi”

next