Ore di panico per Vip, aziende e social media manager, stanno scomparendo migliaia e migliaia di fan dalle pagine di Facebook. Il social network aveva annunciato il 5 marzo una correzione ai like delle fanpage che avrebbe coinvolto la rimozione degli account inattivi dalla data del 12 marzo 2015. E così è stato, dalla scorsa settimana nelle statistiche di ogni pagina, viene comunicata chiaramente l’inizio dell’operazione.

L’obiettivo dichiarato da Facebook è quello di dare ai gestori delle pagine dati più accurati e significativi.
Nella nota del 5 marzo si leggeva

“Gli amministratori delle Pagine potrebbero notare una leggera diminuzione del numero di Mi Piace”.

Tra le top pages italiane più colpite Roberto Saviano a cui gliene mancano almeno 150.000, Marco Travaglio 50.000, a la Repubblica e a il Fatto Quotidiano tra i 30mila e 40mila. Sono invece 6mila quelli ‘spariti’ a Sabina Guzzanti, che denuncia il furto dalla sua stessa fanpage “Vado alla Polizia”?

Account inattivi e morti

Ma quali profili sta eliminando Facebook? Le casistiche sono numerose, dagli account inattivi di coloro che si sono iscritti e mai più collegati da anni, account privati usati dalla aziende e anche gli account di coloro che sono passati a miglior vita. Ancora non è noto invece della durata dell’operazione repulisti. Se continua così molti social media e responsabili marketing potrebbero perdere il posto di lavoro. Naturalmente stiamo scherzando e ben venga questa operazione se ci ridarà un social network privo di account falsi e creati ad hoc solo per ‘drogare’ i like delle fanpage.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

White Night, un videogioco in bianco e nero per il ritorno del survival horror

prev
Articolo Successivo

Il primo virus non si scorda mai

next