Lupi immagina di gestire il ministero delle Infrastrutture come una bottega privata, e questo non è possibile. Lupi intende esercitare un ricatto politico nei miei confronti, e questo non è possibile. Perché? Perché il ministero delle Infrastrutture è il più grande comparto di investimenti e di spesa dell’Italia, e un uomo libero che non risponde a logiche di lobby e di potere da fastidio. Le lobby vanno combattute e smantellate”. Così parlò Vincenzo De Luca a Matrix il 5 dicembre 2013 rispondendo a Luca Telese sul perché, da vice ministro alle Infrastrutture, non otteneva (e mai le ebbe) le deleghe ministeriali che rendessero operative e concrete le sue funzioni di governo.

A risentirle oggi, alla luce dell’inchiesta per corruzione e degli arresti nel ministero di Lupi, le affermazioni dell’ex sindaco di Salerno, vincitore delle primarie Pd in Campania, appaiono inquietanti e profetiche. Con un limite, subito evidente: De Luca non fa nomi e cognomi, non evidenzia fatti precisi e circostanziati. E chissà se avrà voglia di farlo adesso, mentre il Pd prova disperatamente a portare Ncd, il partito di Lupi, (in Campania alleato con Forza Italia e Caldoro) nell’alveo di un centrosinistra simile a quello del governo Renzi.

La puntata di Matrix fu dedicata alla polemica infinita sul doppio ruolo di De Luca: sindaco di Salerno e vice ministro alle Infrastrutture del governo Letta. Due ruoli incompatibili, per i quali una sentenza della Corte d’Appello civile di Salerno lo ha dichiarato decaduto da primo cittadino nel febbraio scorso. Ma all’epoca De Luca era ben ancorato alle due poltrone, e si difese rilanciando la palla nel campo del ministro. “Le deleghe al vice ministro non sono un regalo di Lupi”. Il conduttore lo provoca: “Nel sottopancia preferisce si scriva sindaco o viceministro”? Risposta irritata: “Usi quello di sindaco perché il resto mi fa indignare… Lo scandalo vero è che da sette mesi non si dia attuazione alla legge 81 che prevede le competenze del vice ministro”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tangenti, Bagnasco: “Malaffare ormai è regime”. Delrio: “Dimissioni? Decide Lupi”

next
Articolo Successivo

Tangenti e corruzione: chi pecora si fa, i Lupi se la mangiano

next