Prometteva un lavoro a tempo indeterminato, ma si trattava di una truffa realizzata da Nicola Impeduglia, 50enne di Torino, ora arrestato dai carabinieri grazie a un’intercettazione telefonica. L’uomo adescava le sue vittime al bar e poi le incantava con false promesse e con amicizie molto importanti in grado di dare una svolta alle loro vite. In particolare, il truffatore si è spacciato per un amico di un funzionario della Regione Piemonte e ha fatto credere a due disoccupati torinesi, di 27 e 37 anni, che avrebbe potuto raccomandarli per farli assumere a tempo indeterminato. Le manette sono scattate dopo che i due ragazzi si sono rivolti ai militari raccontando di aver conosciuto l’uomo in un bar e aver pagato 530 euro a testa per “questioni burocratiche” e per oliare gli ingranaggi tra Torino e la Capitale, al fine di inserire i loro nomi in un sistema informatico delle assunzioni. Ecco l’audio dell’intercettazione in cui Impeduglia dice: ”Servono 530 euro per farti assumere, io non frego nessuno”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Whistleblowing in Agenzia Entrate, Uil: “Grave, il governo pensi ai contratti”

prev
Articolo Successivo

Caselli contestato dai No Tav: “Boia”. E a Firenze salta l’incontro antimafia

next