5 mesi, 12 tappe, 35.000 chilometri di viaggio: questi i numeri del Solar Impulse 2, l’aereo ‘solare’ che, utilizzando esclusivamente energia pulita, farà il giro del mondo. L’avventura del SI2 è cominciata questa mattina da Abu Dhabi: nemmeno un goccio di carburante per compiere questo viaggio a energia solare, a dimostrare che i cambiamenti climatici possono essere anche un’opportunità, quella di portare sul mercato nuove tecnologie verdi.

72 metri di apertura alare (più di un Boeing 747), l’impresa del Solar Impulse 2 è frutto di 12 anni di ricerca di Bertrand Piccard e André Borschberg. L’aereo è progettato in fibra di carbonio (leggerissimo dunque) e alimentato da 17.248 celle solari che ricoprono le ali. A sostenere il viaggio del Solar Impulse, il Dipartimento federale degli affari esteri (Dfae), grazie anche alla collaborazione con i Politecnici federali e le imprese nazionali. Nelle prossime settimane, le rappresentanze svizzere all’estero organizzeranno diversi appuntamenti nei Paesi in cui il velivolo atterrerà.

Prima tappa, Mascate, capitale del sultanato di Oman; poi sarà la volta dell’India, prima ad Ahmedabad, poi a Varanasi, per proseguire a Mandalay (Birmania), Chongqing e Nanchino (Cina), Hawaii, Phoenix, New York, per poi attraversare l’Atlantico, con scalo nell’Europa del Sud o nel Nordafrica. Il ritorno ad Abu Dhabi è previsto per l’estate, tra fine luglio e inizio agosto.  A pilotarlo nella prima tappa è André Borschberg, mentre Bertrand Piccard subentrerà a Muscat, capitale del Sultanato dell’Oman, per condurlo verso Ahmedabad (India).

Il tratto più impegnativo del percorso sarà il volo non-stop di cinque giorni e cinque notti attraverso l’oceano Pacifico, dalla Cina alle Hawaii. L’aereo salirà a un’altitudine che raggiungerà i 10.000 metri durante il giorno per ricaricare totalmente le sue batterie in modo da rimanere in volo per tutta la notte. L’impresa punta al record e non poteva mancare quindi la diretta streaming. Il velivolo, che pesa appena quanto un SUV, è stato costruito dal Politecnico di Losanna ed è il secondo aereo di questo tipo realizzato in Svizzera. I giorni effettivi di volo dovrebbero essere 25.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Energia dalla toilette, grazie all’urina ora si generano luce e corrente

next
Articolo Successivo

Apple Watch in uscita: prezzi, caratteristiche e foto. “Dispositivo più personale mai creato”

next