Maltrattava i bimbi di cui avrebbe dovuto prendersi cura, strattonandoli e umiliandoli. Con questa accusa, grazie alle riprese di videocamere nascoste, una insegnante dell’Istituto scolastico statale dell’infanzia di Orta di Atella, in provincia di Caserta, ha ricevuto dal tribunale di Napoli un’ordinanza di divieto di dimora. Alla donna, che è originaria della vicina Succivo, sempre in provincia di Caserta, vengono contestate accuse pesanti come quelle di «maltrattamenti continuati» nei confronti dei bambini che è chiamata ad accudire. Le indagini sono scaturite dalla denuncia presentata ai carabinieri da uno dei genitori dei bimbi, il cui figlio aveva manifestato in casa un cambiamento di umore, riconducibile ai maltrattamenti subiti a scuola

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, allarme Cgil-Cisl: “Metro e tram senza assicurazione”. Atac smentisce

next
Articolo Successivo

Ghisolfi, l’intervento dell’industriale alla Leopolda 2013 con Renzi e Boschi

next