‘“Il Governo non sta facendo assolutamente nulla per ridurre i privilegi di chi ha molto e non sta facendo nulla per aiutare i lavoratori”. Così il Presidente emerito della Suprema Corte di Cassazione Ferdinando Imposimato, intervenuto al Teatro Gloria di Pomigliano d’Arco per assistere alla rappresentazione ideata da due mogli di operai Fiat che hanno portato in scena il dramma della cig per i 316 cassintegrati del reparto logistico di Nola. “Il contratto di lavoro siglato anni fa a Pomigliano – prosegue Imposimato – dovrebbe essere modificato e migliorato”. Il ricavato della serata sarà devoluto alle famiglie degli operai del reparto logistico Fiat Chrysler di Nola (ancora fuori dal ciclo produttivo) e a quelli licenziati dal Lingotto nei mesi scorsi. “Volevamo riaccendere i riflettori su una vicenda ormai dimenticata – ha spiegato il regista Alfonso Volpe – e magari con l’arte riusciamo a smuovere coscienze diverse da quelle che fino ad ora sono state chiamate in causa”. Dal 2008 316 lavoratori della fabbrica Fiat di Pomigliano d’Arco sono stati delocalizzati nel reparto di Nola. Ad oggi oltre due terzi sono ancora in cassa integrazione. Un disagio economico e sociale che è sfociato in 3 suicidi e un tentato suicidio. “Dare lavoro alle famiglie – dice Ersilia Sorrentino, moglie di uno degli operai a Nola – significa ricostruire un tessuto sociale che ormai si sta sgretolando”  di Fabio Capasso

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Fiat di Melfi, operai in assemblea fischiano e insultano i delegati sindacali

prev
Articolo Successivo

Jobs Act, esperto: “Così 300mila co.co.pro diventeranno ancora più precari”

next