Gli scontri nella Capitale fra gli hooligans del Feyenoord e la polizia, prima dell’incontro di Europa League tra la squadra olandese e la Roma, sono stati ripresi anche dai siti d’informazione dei Paesi Bassi. I disordini, iniziati la sera del 18 febbraio e proseguiti il giorno seguente, hanno già portato a undici condanne, mentre otto ultras hanno patteggiato una pena pecuniaria di 45mila euro. Proprio le condanne sono state particolarmente riprese nei titoli della stampa olandese: “Pene severe per i tifosi del Feyenoord dopo i disordini di Roma” ha titolato de Volkskrant, mentre NRC.nl scrive, piuttosto in basso: “Ancora scontri fra i tifosi del Feyenoord e della Roma. Nuove condanne”. Titolo simile per AD.nl: “Pene detentive di 16 mesi per i tifosi del Feyenoord protagonisti degli scontri”, ancorando una foto con la fontana della Barcaccia danneggiata. Stessa idea di De Telegraaf, che laconicamente annuncia: “Gli hooligans demoliscono Roma”.

 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sbarchi, analisti di Frontex già bocciavano Triton. “Farà più morti di Mare Nostrum”

next
Articolo Successivo

Genova, mistero su ok del governo per ospedale Galliera. Torna rischio buco

next