Zorinsk, Chernukino, Perevalsk, Pervomaisk, Stakanov. Il fronte corre tangente a questi centri abitati a pochi chilometri da Lugansk, la capitale dell’omonima autoproclamata repubblica popolare. I miliziani, i cosiddetti separatisti filorussi, spiegano che si tratta di un fronte a pettine, dove le linee si intersecano. Quindi il rischio di incontrare le truppe d’interdizione di Kiev è molto elevato. In questa parte di Ucraina orientale gli accordi di Minsk non sono ancora operativi e nemmeno la bufera di neve ferma i combattimenti. A Zorinsk, non distante da Perevalsk, si sente continuamente il fragore delle esplosioni, artiglieria e lancio di grad. La mattina del 16 febbraio un colpo a frammentazione, secondo i miliziani tirato dalle linee ucraine, ha colpito a morte un signore anziano e ferito gravemente un’altra persona. Sulla neve, nonostante la bufera in corso c’è ancora molto sangue  di Eliseo Bertolasi

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Isis, in Libia arrivano jihadisti dalla Tunisia. Miliziani anche da Siria e Iraq

next
Articolo Successivo

Libia, Isis nel mirino dei caccia egiziani: raid contro le roccaforti di Derna

next