Zorinsk, Chernukino, Perevalsk, Pervomaisk, Stakanov. Il fronte corre tangente a questi centri abitati a pochi chilometri da Lugansk, la capitale dell’omonima autoproclamata repubblica popolare. I miliziani, i cosiddetti separatisti filorussi, spiegano che si tratta di un fronte a pettine, dove le linee si intersecano. Quindi il rischio di incontrare le truppe d’interdizione di Kiev è molto elevato. In questa parte di Ucraina orientale gli accordi di Minsk non sono ancora operativi e nemmeno la bufera di neve ferma i combattimenti. A Zorinsk, non distante da Perevalsk, si sente continuamente il fragore delle esplosioni, artiglieria e lancio di grad. La mattina del 16 febbraio un colpo a frammentazione, secondo i miliziani tirato dalle linee ucraine, ha colpito a morte un signore anziano e ferito gravemente un’altra persona. Sulla neve, nonostante la bufera in corso c’è ancora molto sangue  di Eliseo Bertolasi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Isis, in Libia arrivano jihadisti dalla Tunisia. Miliziani anche da Siria e Iraq

prev
Articolo Successivo

Libia, Isis nel mirino dei caccia egiziani: raid contro le roccaforti di Derna

next