“Vogliamo continuare a lottare, perché vogliamo dare giustizia a chi è morto”. Nonostante la recente sentenza di Cassazione, che ha assolto l’imputato Schmidheini e considerato prescritto il reato, a Casale Monferrato (Alessandria) la popolazione non si arrende. L’Osservatorio Nazionale per l’Amianto (Ona) si sta riorganizzando per riportare in tribunale il patron della Eternit. “Bisogna formulare un nuovo capo d’imputazione – spiega Ezio Bonanni, avvocato di parte civile nel processo Eternit – facendo riferimento al possibile omicidio colposo, per il quale non ci sarebbe stata la prescrizione”. Intanto a Casale, come in tutta Italia, si aspetta l’onda lunga delle morti da amianto. “È un’epidemia” spiega Luciano Mutti, oncologo e presidente del Gruppo Italiano Mesotelioma (Gime) “nei prossimi decenni moriranno per esposizione all’amianto 500mila uomini, 1500 all’anno in Italia, 2500 nel Regno Unito” di Cosimo Caridi

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rifiuti, “a Ponte nelle Alpi più lavoro con pratiche virtuose e senza cassonetti”

next
Articolo Successivo

Gas per la ripresa: Germania e Cina a tutto fracking

next