“Vogliamo continuare a lottare, perché vogliamo dare giustizia a chi è morto”. Nonostante la recente sentenza di Cassazione, che ha assolto l’imputato Schmidheini e considerato prescritto il reato, a Casale Monferrato (Alessandria) la popolazione non si arrende. L’Osservatorio Nazionale per l’Amianto (Ona) si sta riorganizzando per riportare in tribunale il patron della Eternit. “Bisogna formulare un nuovo capo d’imputazione – spiega Ezio Bonanni, avvocato di parte civile nel processo Eternit – facendo riferimento al possibile omicidio colposo, per il quale non ci sarebbe stata la prescrizione”. Intanto a Casale, come in tutta Italia, si aspetta l’onda lunga delle morti da amianto. “È un’epidemia” spiega Luciano Mutti, oncologo e presidente del Gruppo Italiano Mesotelioma (Gime) “nei prossimi decenni moriranno per esposizione all’amianto 500mila uomini, 1500 all’anno in Italia, 2500 nel Regno Unito” di Cosimo Caridi

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rifiuti, “a Ponte nelle Alpi più lavoro con pratiche virtuose e senza cassonetti”

next
Articolo Successivo

Gas per la ripresa: Germania e Cina a tutto fracking

next