Carissimi lettori,

Come tutti ormai sapete da martedì  è iniziata la 65esima edizione del Festival di Sanremo che stasera fra i suoi ospiti avrà una persona molto speciale, Sammy Basso di 19 anni affetto da progeria – meglio conosciuta come sindrome da invecchiamento precoce. Sammy nonostante la  malattia che ha portato il suo fisico ad invecchiare molto rapidamente con tutte le conseguenze che ciò comporta, frequenta il primo anno alla facoltà di Fisica presso l’Università di Padova, e dopo la Laurea vorrebbe lavorare al Cern di Ginevra (L’Organizzazione Europea per la Ricerca Nucleare).

sammy-basso

Sammy è una persona brillante sensibile e attenta agli altri e a tutto ciò che lo circonda con tanta voglia di conoscere e di capire senza piangersi addosso, tutto ciò condito da un grande umorismo.

Insieme a mamma Laura e papà Amerigo e tanti altri amici nell’ottobre 2005 dopo un’insistente e giusta domanda di Sammy (ma perché non si sente mai parlare della mia malattia?), ha voluto istituire la sua Associazione A.I.Pro.Sa.B  (Associazione  Italiana Progeria Sammy Basso) per aiutare la ricerca e per far conoscere la malattia nel mondo.

Sammy sarà sul palco dell’Ariston stasera dove parlerà di sé e della sua malattia, pertanto vi invito a non perdervi questo grande momento e soprattutto ad ascoltare ogni parola e farla vostra.

Desidero fare uno speciale in bocca al lupo a Sammy  per questa sera e ringraziare anche la sua famiglia per la loro amicizia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Charlie dove sei?

next
Articolo Successivo

Sex workers, ecco quello che chiedono per lavorare dignitosamente

next