Dopo gli ultimi morti al largo di Lampedusa mi tornano in mente alcune righe che mi scrisse, qualche anno fa, il regista Abbas Kiarostami. Mi fa piacere condividerle.

Questa mattina ho visto nel cielo blu uno stormo di uccelli migratori andare da un posto all’altro. Mi sono chiesto da dove venivano quegli uccelli e verso quale terra erano diretti. Li accoglieranno bene, con benevolenza, gli uccelli di quei luoghi? Mi sembra che nel nostro mondo turbolento di oggi l’immigrazione sia diventata una questione di necessità. Le ondate di migrazione umana – escludendo quei casi in cui la gente si sposta volontariamente in cerca di un ambiente o di uno stile di vita migliori – sono spesso dettate da forze che sono al di là del controllo dei profughi stessi. Gli uomini non lasciano volentieri la loro patria per diventare ospiti indesiderati di un’altra terra. Sarebbe troppo aspettarsi che gli esseri umani, le cosiddette: creature di Dio più nobili, si comportino come gli uccelli?

Dopo gli ultimi morti al largo di Lampedusa penso al mare che circonda l’isola. Al silenzio di quel mare. A saperlo ascoltare quel silenzio, ti accorgi, che è pieno di voci. Di urla, come per zattere di salvataggio.

La storia si ripete sempre. Tutto ciò che è già successo torna a ripetersi. Sacrifici. Gommoni. Carrette del mare. Pioggia. Onde alte come montagne. Disperazione. Povertà assoluta che poco chiede e ottiene ancora meno.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Adolescenza, l’abdicazione della figura paterna

prev
Articolo Successivo

Sanremo 2015 e la numerosa famiglia Anania? Basta crederci

next