Non è un processo politico, ma è di più: è un processo alla libertà di parola“. Con queste parole lo scrittore Erri De Luca ha commentato la prima udienza a Torino del processo che lo vede come imputato per “istigazione al sabotaggio” del cantiere Tav. “Sono uno scrittore – dice – non penso di poter istigare nessuno se non alla lettura o alla scrittura”. Nell’udienza di questa mattina, la giudice ha respinto la testimonianza di Mario Virano, presidente dell’Osservatorio sulla Torino-Lione, mentre nelle prossime udienze saranno sentiti il capo della Digos torinese, Giuseppe Petronzi, e il direttore generale di Ltf, Maurizio Bufalini. Al termine dell’udienza, fuori dal tribunale, decine di cittadini hanno organizzato una lettura collettiva dell’ultimo pamphlet di De Luca “La parola contraria(Feltrinelli) in segno di solidarietà  di Simone Bauducco

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

‘Ndrangheta in Emilia, procuratore Roberti: “Molte elezioni locali condizionate da clan”

prev
Articolo Successivo

Schettino, gli unici insulti sono quelli subiti dai parenti delle vittime

next