Sono rimasti fuori uso per circa 40 minuti, ma non è stato un attacco hacker a causare il blackout di Facebook e Instagram. Al contrario, come ha fatto sapere un portavoce della società di Mark Zuckerberg, si è trattato della “conseguenza di un cambiamento che abbiamo introdotto nel nostro sistema di configurazione“. Quindi, nessuna intrusione esterna e dopo la ‘parentesi’ offline “entrambi i servizi sono tornati al 100% per tutti”.

Nonostante la spiegazione ufficiale, però, ha iniziato a circolare in rete l’ipotesi di un attacco dei pirati informatici di ‘Lizard Squad’, lo stesso gruppo che a Natale ha colpito gli utenti di Xbox e Playstation.

Il social network e l’app, entrambi di proprietà Zuckerberg, sono stati irraggiungibili anche dagli utenti italiani poco dopo le 7 circa di questa mattina e hanno ripreso a funzionare circa un’ora dopo. E su Twitter si sono scatenati i commenti e l’ironia degli utenti così come è spuntato il solito #facebookdown. “Siamo consapevoli del malfunzionamento e stiamo lavorando per risolverlo”, ha scritto Instagram sul suo profilo Twitter ufficiale.

L’ultimo ‘down’ di Facebook risale a settembre, quando la piattaforma si fermò per due volte in un mese; mentre l’ultimo tilt di Instagram risale ad agosto. Nessun problema invece per WhatsApp, l’altra piattaforma di Zuckerberg.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

iPhone, record di vendite in Cina: nel 2014 superati i numeri degli Usa

next
Articolo Successivo

Virus Regin, la scoperta: “E’ lo stesso usato per lo spionaggio dall’Nsa in Usa”

next