Se fossi un giovane senza lavoro voterei Magalli e lo voterei pure se il lavoro lo avessi perso a cinquant’anni. Se fossi un esodato voterei Magalli e sulla scheda aggiungerei qualche insulto a chi mi ha ridotto così. Se avessi votato Renzi alle primarie per risollevare l’Italia, ora voterei Magalli. E lo voterei due volte pensando al patto del Nazareno. Ma anche se avessi votato Cuperlo voterei Magalli osservando la sinistra Pd così divisa e smarrita. Se avessi votato Grillo voterei Magalli in attesa che dal pianeta Urano ritorni tra noi con l’intero M5S per scompaginare finalmente l’inciucio Renzusconi. E voterei Magalli tutta la vita se appartenessi a quel 50 per cento di elettori che se incrocia un politico si barrica in casa e nasconde l’argenteria.

La candidatura di Giancarlo Magalli al Quirinale, che spopola sul sito de il Fatto Quotidiano, è un gioco ma non è un gioco. Lui è un bravo e popolare presentatore televisivo e fa bene a divertirsi finché dura. Poi, però, dice: “I politici devono capire che questa valanga di voti non sono per mettere me, ma per togliere loro” e coglie il lato serio della faccenda. C’è un altro aspetto: voler trasformare la democrazia in un reality e le leadership in una forma d’intrattenimento collettivo può essere vincente, ma non sai mai chi viene dopo.

Prendiamo i due Mattei. Il primo parte dalla Ruota della fortuna di Mike Bongiorno e arriva a Palazzo Chigi. L’altro si fa le ossa apostrofando negri e terroni dalle frequenze di Radio Padania per diventare Marine Le Pen. Se la selezione politica funziona in base al moltiplicatore infinito del web, basta aspettare e ci sarà spazio per i venditori di pacchi in tv e per Braccobaldo Bau!.

Non certo per Prodi, Rodotà o Zagrebelsky. Perciò io voto Magalli.

→  Sostieni l’informazione libera: Abbonati rinnova il tuo abbonamento al Fatto Quotidiano

il Fatto Quotidiano, 24 Gennaio 2015

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Quirinale, il borsino – Spunta Rutelli, Amato in testa. “Nome ‘vero’ uscirà il 29”

next
Articolo Successivo

Quirinale, da martedì consultazioni Pd. Grillo: ‘Io al Nazareno? Non so cosa sia’

next