Una giornata da ricordare per il tennis italiano: Andreas Seppi ha battuto in 4 set al 3 turno degli Australian Open il numero due del mondo Roger Federer con il punteggio 6-4 7-6 4-6 7-6. È la prima volta che il tennista italiano riesce a battere lo svizzero: dieci le sfide precedenti, nelle quali Seppi era riuscito a portare a casa solo un set a Doha nel 2012. Al prossimo turno, domenica, il trentenne di Caldaro giocherà contro il vincitore del match tra l’australiano Nick Kyrgios e il tunisino Malek Jaziri. È il quarto ottavo di finale per Andreas Seppi nei major dopo il Roland Garros 2012 , Australian Open e Wimbledon nel 2013.

“Se me lo aspettavo? Ad un certo punto abbiamo capito che Andreas il match poteva vincerlo davvero ed è stato un bel salto di qualità. Sulla Rod Laver Arena contro Federer, la qualificazioni agli ottavi”. Così Massimo Sartori, allenatore di Andreas Seppi, esprime l’enorme gioia dopo la vittoria del suo pupillo. “Andreas meritava una vittoria del genere – aggiunge Sartori al sito ufficiale della Federtennis – è uno dei tennisti più importanti della storia del tennis italiano. Penso anche che la sconfitta con Djokovic del 2012 al Roland Garros, quando anche lì era andato avanti di due set, gli sia servita oggi. Nel quarto set ha gestito bene il gioco mettendo pressione a Federer. È stato molto lucido e pronto fisicamente, anche perché Roger ha cambiato un paio di volte la strategia, accelerando quando si è accorto che il match gli stava sfuggendo di mano”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Australian Open 2015, il primo Slam dell’anno

next
Articolo Successivo

Il Seppi che non ti aspetti, Federer ko

next