Polemica al fulmicotone durante la diretta de “L’aria che tira”, su La7. Protagonisti dello scontro: da un lato, l’ex direttore di Europa Quotidiano, Stefano Menichini, e dall’altro, il giornalista de Il Fatto Quotidiano Fabrizio d’Esposito e la firma dell’Huffington Post Alessandro De Angelis. La miccia del dibattito è il patto del Nazareno, sul quale De Angelis afferma: “Da ieri Renzi esce indebolito, ha perso l’autosufficienza della maggioranza sulle riforme e Berlusconi è diventato azionista all’interno del patto del Nazareno. Quanto costa questo patto? Costa l’agilità politica di Berlusconi“. E spiega dettagliatamente le ragioni del suo commento sull’accordo tra il premier e il Cavaliere. Insorge Menichini, che ribatte: “Ma di che stiamo parlando? Non vorrei dire che questa trasmissione è destituita di fondamento, ma ai miei colleghi che si occupano di notizie chiedo: dove sta la notizia? Voi potete continuare a chiamarlo inciucio, ma in realtà è un accordo politico istituzionale di grandissima solidità“. “E quanto costa quest’accordo?”, chiede d’Esposito. L’ex direttore di Europa continua: “La legge ad personam a favore di Berlusconi da voi denunciata dove sta? Non c’è. Stiamo parlando di un regalo a Berlusconi che nessuno ha visto. Berlusconi sta ancora ai servizi sociali”. De Angelis osserva ironicamente: “Da direttore di Europa Menichini è diventato portavoce di Renzi? Ha trovato lavoro”. Menichini chiede il supporto della conduttrice Myrta Merlino: “Senti, mi difendi per favore da questo personaggio molesto?“. D’Esposito replica: “Menichini non può dire che queste non sono notizie, perché se avesse chiaro il concetto di notizia sarebbe direttore e non ex direttore, peraltro di un giornale semi-clandestino che vende 800 copie. Ma mi faccia il piacere”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Le Pen contro D’Alema: ”Comunista obsoleto, visione sbagliata tra destra e sinistra”

next
Articolo Successivo

Menichini vs d’Esposito: ‘Nessun favore a B. nel Patto’. ‘Da direttore di giornale da 800 copie a portavoce di Renzi’

next