Polemica al fulmicotone durante la diretta de “L’aria che tira”, su La7. Protagonisti dello scontro: da un lato, l’ex direttore di Europa Quotidiano, Stefano Menichini, e dall’altro, il giornalista de Il Fatto Quotidiano Fabrizio d’Esposito e la firma dell’Huffington Post Alessandro De Angelis. La miccia del dibattito è il patto del Nazareno, sul quale De Angelis afferma: “Da ieri Renzi esce indebolito, ha perso l’autosufficienza della maggioranza sulle riforme e Berlusconi è diventato azionista all’interno del patto del Nazareno. Quanto costa questo patto? Costa l’agilità politica di Berlusconi“. E spiega dettagliatamente le ragioni del suo commento sull’accordo tra il premier e il Cavaliere. Insorge Menichini, che ribatte: “Ma di che stiamo parlando? Non vorrei dire che questa trasmissione è destituita di fondamento, ma ai miei colleghi che si occupano di notizie chiedo: dove sta la notizia? Voi potete continuare a chiamarlo inciucio, ma in realtà è un accordo politico istituzionale di grandissima solidità“. “E quanto costa quest’accordo?”, chiede d’Esposito. L’ex direttore di Europa continua: “La legge ad personam a favore di Berlusconi da voi denunciata dove sta? Non c’è. Stiamo parlando di un regalo a Berlusconi che nessuno ha visto. Berlusconi sta ancora ai servizi sociali”. De Angelis osserva ironicamente: “Da direttore di Europa Menichini è diventato portavoce di Renzi? Ha trovato lavoro”. Menichini chiede il supporto della conduttrice Myrta Merlino: “Senti, mi difendi per favore da questo personaggio molesto?“. D’Esposito replica: “Menichini non può dire che queste non sono notizie, perché se avesse chiaro il concetto di notizia sarebbe direttore e non ex direttore, peraltro di un giornale semi-clandestino che vende 800 copie. Ma mi faccia il piacere”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Le Pen contro D’Alema: ”Comunista obsoleto, visione sbagliata tra destra e sinistra”

prev
Articolo Successivo

Giuliano Ferrara: “Quando papa Francesco dirà ‘li murtacci tua’, sarà un brutto giorno”

next